Finanziamenti agevolati e microcredito: proposte per le famiglie in difficoltà e nuove imprese

Crisi economica e crisi occupazionale: molte famiglie italiane sono in affanno in quanto non riescono a trovare un posto di lavoro sicuro, un’adeguata stabilità e capacità reddituale costante e il raggiungimento di un livello di vita qualitativamente decoroso e decente. E’ vero che oggi “guadagnarsi la pagnotta del pane” da portare a casa è molto difficile e complicato, specie per i giovani usciti dai banchi di scuola ma, non bisogna perdersi d’animo e si deve lottare fino all’ultimo per trovare una valida soluzione che ci consenta di acquisire uno status economico indipendente ed assolutamente dignitoso. Acquisire una sorta di auto-realizzazione ed autostima, permette a tutti i cittadini italiani di assicurare a sè ed alla propria famiglia l’adeguato sostentamento e uno standard decoroso per la propria vita. Vediamo in questa guida le soluzioni creditizie reperibili sul mercato concernenti i prestiti agevolati e il microcredito per le famiglie italiane in difficoltà economica a rischio di esclusione sociale e a rischio di povertà assoluta.

Prestito agevolato per le famiglie italiane disagiate: prestito della Speranza

Una prima valida soluzione creditizia che può essere reperita sul mercato riguarda quella del prestito della Speranza, il quale intende sostenere l’accesso al credito a condizione agevolate, a persone e microimprese in condizioni di vulnerabilità economica.
Nel garantire il Prestito, la Conferenza Episcopale intende perseguire l’inclusione sociale e lavorativa della persona, facendo leva sulla responsabilità personale e sulla libera iniziativa, in grado di favorire una ripresa economica e la creazione di lavoro.

Possono essere ammessi ai finanziamenti concessi dalla Banca ai sensi della Convenzione:

  • persone fisiche e famiglie che versino in situazione di vulnerabilità economica e sociale quali: a) persone in difficoltà economico-finanziaria, disoccupati e cassaintegrati a causa della crisi economica, giovani in cerca di prima occupazione, lavoratori precari, giovani coppie all’inizio del loro percorso di famiglia giuridicamente riconosciuta o in fase di costituzione, che necessitano di beni e servizi di prima necessità escludendo il sostegno a spese voluttuarie e superflue  b) categorie di persone disagiate in grado di intraprendere un nuovo progetto di lavoro;
  • microimprese come definite dall’articolo 18, comma 1, lett. d-bis, del D. Lgs. 6.9.2005, n. 206 (Codice del Consumo)  in forma di: imprese individuali,  società  di persone,  S.R.L. semplificata ex art. 2463bis c.c., nonché  società cooperative che : incontrano difficoltà di accesso al credito per realizzare investimenti sostenibili di crescita e sviluppo o sono in fase di  avvio.

Sono ammissibili alla garanzia del Fondo di Garanzia i finanziamenti  aventi le seguenti caratteristiche:

  • credito sociale” da concedersi a persone fisiche e famiglie: finanziamenti  di importo non superiore a 7.500 euro, TAN non superiore al 2,50%,  erogati in unica soluzione o in più tranche periodiche, secondo altre modalità concordate tra Banca e cliente. E’ previsto un periodo di preammortamento di 12 mesi; il finanziamento ha durata massima di 6 anni comprensiva del periodo di preammortamento. Non si applicano al finanziamento le penali di estinzione anticipata,
  • credito all’impresa” da concedersi alle Microimprese:  finanziamenti di importo non superiore a 25.000 euro erogati in una unica tranche per l’avvio o lo sviluppo di un’iniziativa imprenditoriale o di lavoro autonomo, TAN non superiore al 4,50%. E’ previsto un periodo di preammortamento di 12 mesi; il finanziamento ha durata massima di 6 anni comprensiva del periodo di preammortamento. Non si applicano al finanziamento le penali di estinzione anticipata.

Microimpresa: prestito Invitalia

I prestiti approntati dall’Agenzia Invitalia a favore del tessuto imprenditoriale sul territorio nazionale questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un’attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società di persone. Sono escluse le ditte individuali, le società di capitali, le cooperative, le società di fatto e le società aventi un unico socio.

Per presentare la domanda, almeno la metà numerica dei soci che detiene almeno la metà delle quote, deve essere:

  • maggiorenne alla data di presentazione della domanda
  • non occupato alla data di presentazione della domanda
  • residente nel territorio nazionale alla data del 1 gennaio 2000 oppure da almeno sei mesi alla data di presentazione della domanda, nel rispetto della normativa comunitaria e nazionale vigente in materia.

    <!–

    L’elenco dei territori è consultabile nell’apposita
    sezione
    del portale.

    –>

I soci che rispondono a questi requisiti devono detenere almeno la metà delle quote di partecipazione; la sede legale, operativa e amministrativa deve essere ubicata nelle seguenti regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.
Le migliori offerte del momento sui Prestiti
Richiedi subito un preventivo gratuito!
signorprestitoPrestito INPS e INPDAP in soli 5 minuti! Ideale per lavoratori dipendenti e pensionatiRichiedi
rating1
siprestitoPrestito fino a 60.000 euro in piccole rate anche per CATTIVI PAGATORI con busta pagaRichiedi
rating2
difesadebHai DEBITI? Ti DIFENDIAMO noi! Chiudi i debiti con Banche e Finanziarie con un risparmio dal 40 al 70%Richiedi
rating1