Finanziamenti ISMEA, incentivi e agevolazioni per acquisto di terreno agricolo

L’Ismea (Istituto di servizio per il mercato agricolo alimentare) mette a disposizione interessanti strumenti per imprenditori agricoli che hanno deciso di ampliare o migliorare il proprio business. In particolare si tratta di un finanziamento utile all’acquisto di un terreno agricolo ma anche più in generale per l’attività agricola. L’istituto in pratica mette in atto un meccanismo per cui sarà la stessa Ismea ad effettuare l’acquisto del terreno che di fatto diverrà a tutti gli effetti di proprietà dell’imprenditore agricolo soltanto alla fine del piano di ammortamento che prevede 30 rate a cadenza annuale. Andiamo a vedere nello specifico tutte le caratteristiche, i costi, le condizioni, i vantaggi e gli svantaggi del finanziamento Ismea per l’acquisto di terreni agricoli.

Finanziamento Ismea: un primo importante vincolo

Per accedere al finanziamento Ismea è necessario rispettare un apposito regolamento ed in particolar modo un primo importante vincolo. Entrando maggiormente nella questione è necessario che l’acquisto del terreno agricolo o l’intervento di ampliamento dell’impresa debba avvenire rispettando i criteri di redditività dell’impresa, i requisiti minimi in materia di ambiente, igiene e benessere degli animali oltre ad eventuali limitazioni previste da leggi comunitarie o nazionali.

Per avere maggiori info su tutti gli adempimenti si può visionare il Regolamento (CE) n. 1257/99. Va altresì rimarcato che nel caso il terreno agricolo oggetto dell’acquisto non rispetti al momento della presentazione della richiesta di finanziamento, le condizioni in materia di rispetto dell’ambiente e dell’igiene degli animali previste dal suddetto regolamento, l’imprenditore potrà fare in modo di realizzarle in un tempo massimo di tre anni.

Finanziamento Ismea: come funziona

Come detto in precedenza, Ismea dietro richiesta di un imprenditore prende in esame la possibilità di acquistare per suo conto un terreno agricolo. L’istituto effettua quindi una serie di controlli per appurare la disponibilità del proprietario nel vendere il terreno e che il prezzo fissato sia effettivamente in linea con il proprio valore di mercato. Terminato l’iter burocratico, l’istituto provvede ad effettuare l’acquisto del terreno che in seguito diventerà di proprietà dell’imprenditore una volta onorato l’intero piano di rimborso.

Finanziamento Ismea: requisiti

Ci sono dei vincoli e requisiti che devono essere assolutamente rispettati per sperare di accedere al finanziamento Ismea. Requisiti che ovviamente il richiedente deve possedere al momento della presentazione della domanda:

  • imprenditore con età anagrafica al massimo pari a 40 anni;
  • nel caso il richiedente non abbia alcun titolo in tale ambito, deve entro due anni dall’assegnazione del terreno, acquisire la qualifica di imprenditore agricolo oppure di coltivatore diretto;
  • il richiedente deve essere a titolo principale un imprenditore agricolo;
  • nel caso di coltivatore diretto l’età massima deve essere non superiore ai 50 anni;
  • possono rientrare nel finanziamento anche cooperative e piccole cooperative agricole.

Finanziamento Ismea: caratteristiche e limitazioni

Il Finanziamento Ismea prevede un periodo di ammortamento che può arrivare ad un massimo di 30 anni. Nel caso in cui il beneficiario non dovesse riuscire ad onorare tutte le rate, il terreno automaticamente rimarrebbe di proprietà dello stesso istituto. Tra le limitazioni connesse è previsto un periodo di decadenza dei benefici pari a 5 anni per cui il riscatto anticipato e la vendita del terreno non possono essere richiesti prima di tale lasso di tempo.

Inoltre, sottoscrivendo il finanziamento Ismea si accetta l’indivisibilità del terreno per almeno quindici anni. Il massimo capitale erogabile è pari a 750 mila euro nel caso di un solo imprenditore richiedente mentre nel caso di azienda agricola a più imprenditori e/o cooperativo è previsto un finanziamento massimo pari a 250 mila euro per soci fatto salvo il limite di 2 milioni di euro complessivi.

Finanziamento Ismea: la documentazione da presentare

Per poter accedere al Finanziamento Ismea per l’acquisto o l’ampliamento di un terreno agricolo, è necessario presentare un’apposita domanda corredata da diversi documenti. Nello specifico è assolutamente indispensabile presentare in allegato alla domanda il documento che confermi la disponibilità di vendere da parte del proprietario con copia documento d’identità assieme al documento di domanda d’acquisto con copia documento d’identità. Inoltre, ci sono tanti altri documenti da presentare:

  • certificato che attesti al destinazione urbanistica del terreno oggetto del finanziamento assieme ai documenti che confermino la proprietà;
  • documento di corografia;
  • mappa e planimetria del terreno in oggetto;
  • tutti i certificali catastali relativi al terreno;
  • pianta di eventuali fabbricati rurali presenti sul terreno oggetto del finanziamento con relativa autocertificazione che ne attesti la loro conformità ai sensi della legge italiana;
  • certificazione dei diritti presenti sul terreno come quello di prelievo di acqua allo scopo di irrigare per eventuali coltivazioni;
  • autocertificazione che il terreno rispetti quanto disposto nel regolamento (CE) numero 1257/99;
  • certificazione d’iscrizione nel registro delle imprese di settore.
Le migliori offerte del momento sui Prestiti
Richiedi subito un preventivo gratuito!
signorprestitoPrestito INPS e INPDAP in soli 5 minuti! Ideale per lavoratori dipendenti e pensionatiRichiedi
rating1
siprestitoPrestito fino a 60.000 euro in piccole rate anche per CATTIVI PAGATORI con busta pagaRichiedi
rating2
difesadebHai DEBITI? Ti DIFENDIAMO noi! Chiudi i debiti con Banche e Finanziarie con un risparmio dal 40 al 70%Richiedi
rating1