Vantaggi fiscali: fiscalmente è più conveniente il matrimonio o la convivenza?

Se ancora qualcuno crede strenuamente nella poesia del matrimonio, forse non ha fatto i conti con il fisco e il Codice civile.
Già. Perché davanti alla Legge non tutte le unioni si equivalgono tra loro.
I supporto economici per i figli e i sostegni al reddito risultano vantaggiosi per quelle coppie che, pur amandosi, non ufficializzano la propria unione. Anzi, possiamo asserire con decisione che lo Stato penalizza chi mettere su famiglia, rispetto a chi lo fa in forma non ufficiale”.
Un fenomeno senpre più palese, tanto che, scrivono le Acli, “Nel nostro Paese fare famiglia ha assunto i contorni di una pratica finanziariamente estrema, un’autentica sfida economica”.

Sposarsi o convivere: svangaggi e vantaggi fiscali

Diciamolo pure: non coniugarsi dà luogo a molteplici vantaggi dal punto di vista economico.
Non solo. In alcuni casi anche una coppia formalmente separata ha accesso ad agevolazioni fiscali solitamente precluse a chi sceglie di non pronunciare il fatidico “si“.
A gravare sulle famiglie di fatto è proprio ma il fisco, con un meccanismo che mette alla prova la stabilità economica delle unioni. A tal proposito le Acli della città di Brescia hanno recentemente stilato un documento dal provocatorio titolo di “10 buoni motivi per non sposarsi in Italia oggi”.

Vantaggi fiscali e coppia: non sposarsi…conviene

Ad oggi sono sempre più le coppie separate o conviventi per motivi assimilabili a vantaggi fiscali.
Il mancato riconoscimento fiscale delle famiglie di fatto finisce, paradossalmente, per discriminare le unioni tradizionali. Questo fenomeno andrebbe arginato mediante una parificazione fiscale tra le famiglie non sposate e quelle “regolari“.
Ecco dunque di seguito i dieci i motivi per non sposarsi riportati nella citata guida:

  • Detrazioni Irpef per i figli a carico.
    La detrazione fiscale va di pari passo con il reddito. Nel caso delle coppie sposate l’Agenzia delle Entrate può incrociare i dati per monitorare che si richiesta dei benefici sia in regola. Ciò risulta ovviamente non possibile nel caso delle coppie conviventi.
  • Indicatore Isee.
    Nel caso di due partner non coniugati e non conviventi, uno non viene assimilato al nucleo familiare. Di conseguenza il suo reddito non fa cumulo con il calcolo Isee, che risulterà più contenuto.
  • Assegni familiari: sensibili vantaggi fiscali.
    Questi sono ovviamente calcolati sulla base del reddito del nucleo. Il riferimento è composto dal richiedente, il coniuge – non o legalmente separato – i figli. Nel caso di due genitori non sposati (e conviventi) il reddito del genitore lavorativamente non dipendente non rientra nel reddito di famiglia.
  • Assegnazione dell’alloggio popolare.
    Fatta la legge, trovato l’inganno, recita un vecchio adagio. In testa alle graduatorie per le case popolari figurano le persone sole con figli a carico. Tante sono dunque le unioni il cui marito migra la propria residenza, pur di fatto non cambiando casa.
  • Un discorso similare vale per i sostegni all’affitto.
    Nel caso in cui l’importo dell’affitto sia gravoso (oltre il 30% del reddito del familiare), si ha diritto ad alcuni benefit. Per accedere a tale agevolazione è sufficiente non essere sposati, denunciando così uno stipendio invece di due.
  • Esenzione dai ticket sanitari per i figli.
    In questi casi il bilancio reddituale è stimato in base al reddito del padre e della madre. Qualora questi non risultassero sposati, viene valutato il reddito di un solo genitore.
  • Scuola dell’infanzia.
    Gli enti assegnano un punteggio superiore ai figli di genitori soli. Per questo sono non poche le coppie che, dopo la nascita del piccolo, fingono di separarsi.
  • Assegno sociale per i coniugi con più di 65 anni. Lo stato di bisogno si valuta sul reddito coniugale, se il richiedente è sposato. Diversamente, se il richiedente è separato, vale il solo reddito personale.
  • Anche per quanto riguarda le maggiorazioni sociali, si riscontrano sensibili vantaggi in materia fiscale.
    Nel caso di coniugi o coppie non sposate l’integrazione al reddito si valuta sul reddito della singola persona.
  • Reversibilità pensionistica.
    Per due vedovi titolari di pensione di reversibilità che desiderano convivere, è chiaramente conveniente evitare di convolare a nozze. In questo modo essi si assicurano una duplice entrata, che altrimenti sfumerebbe.

Ad oggi dunque la battaglia delle coppie di fatto per l’equipollenza dei diritti è ancora lunga. Il matrimonio, tutto sommato, espone la coppia ad una serie di interrogativi di ordine fiscale ed economico.

Le migliori offerte del momento sui Prestiti
Richiedi subito un preventivo gratuito!
signorprestitoPrestito INPS e INPDAP in soli 5 minuti! Ideale per lavoratori dipendenti e pensionatiRichiedi
rating1
siprestitoPrestito fino a 60.000 euro in piccole rate anche per CATTIVI PAGATORI con busta pagaRichiedi
rating2
difesadebHai DEBITI? Ti DIFENDIAMO noi! Chiudi i debiti con Banche e Finanziarie con un risparmio dal 40 al 70%Richiedi
rating1