Modello 730/2017: quali documenti presentare per detrarre le spese mediche

Diverse sono le novità introdotte dal dettato legislativo contenute nella Legge di Stabilità 2016, le quali sono state recepite nella dichiarazione dei redditi precompilata 2017 per le spese mediche sostenute dal soggetto contribuente. In particolare, sono interessanti le nuove regole e sanzioni per la trasmissione dei dati delle spese da parte dei medici, ospedali, strutture convenzionate al SSN e non, inserite nel nuovo modello 730 precompilato 2017. Per il contribuente italiano che si appresta a presentare il Modello 730, rimane ferma la possibilità di detrarre le spese mediche e sanitarie sostenute nel corso dell’anno 2016 per suo conto che per quelle della famiglia: la detrazione spetta per determinate spese sanitarie riconosciute e sancite dal dettato legislativo, fissate nella percentuale del 19% IRPEF al lordo della franchigia di 129,11 euro. Ai fini della detrazione, le spese mediche devono essere inserite automaticamente dall’Agenzia delle Entrate nel nuovo modello 730 precompilato 2017, mentre per il contribuente che non opta per la precompilata, procederà ad iscrivere tali spese mediche nel modello 730 nel rigo E1 a E5, modello ancora cartaceo. Il tetto massimo delle spese sanitarie detraibili per i familiari non a carico è pari a 6.197,48 euro e l’importo totale delle spese va indicato per intero al lordo della franchigia di euro 129,11.

Modello 730/2017 precompilato: novità

Come sancito dall’Agenzia delle Entrate i medici, gli ospedali, le strutture mediche convenzionate al SSN, quelle private e anche non convenzionate, studi privati, dentisti ecc, hanno avuto l’obbligo di trasmettere entro il 28 febbraio 2017, i dati delle spese sanitarie sostenute dai soggetti contribuenti italiani all’Agenzia delle Entrate accedendo al “Sistema tessera sanitaria” ai fini dell’elaborazione e trasmissione della dichiarazione precompilata.

Per quanto concerne i dati che i soggetti obbligati erano chiamati a trasmettere entro il 28 febbraio sono stati i seguenti relativi:

  • Codice fiscale del contribuente o del familiare a carico cui si riferisce la spesa medica,
  • Codice fiscale o numero di partita Iva e denominazione di chi ha erogato la prestazione sanitaria,
  • Data della ricevuta o fattura della spesa medica-sanitaria;
  • Tipo di spesa sostenuta: ticket, farmaco, acquisto o affitto di dispositivi medici, servizi sanitari erogati dalle farmacie, farmaci per uso veterinario, visite mediche generiche e specialistiche, prestazioni chirurgiche ricoveri ospedalieri, etc.
  • Importo della spesa o del rimborso;
  • data del rimborso.

Modello 730 precompilato: verifica spese mediche

Il contribuente per controllare le spese mediche e sanitarie inserite nel modello 730 precompilato, deve accedere alla dichiarazione dei redditi precompilata e procedere con la verifica dei dati inerenti la spesa sanitaria sostenute dal soggetto contribuente per suo conto o per il familiare a carico. Si tratta di monitorare l’ammontare delle spese sanitarie automaticamente agevolabili e dei relativi rimborsi in base alle tipologie di spesa, l’ammontare delle spese sanitarie agevolabili solo in presenza di particolari condizioni, ad esempio acquisto o affitto di protesi non rientranti nei dispositivi medici con marcatura Ce, cure termali, prestazioni di chirurgia estetica e dei relativi rimborsi. La consultazione ed il monitoraggio delle spese mediche e sanitarie nel modello 730 precompilato può avvenire entro il 15 aprile 2017 nell’apposita sezione della dichiarazione dei redditi precompilata sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Spese detraibili nel modello della dichiarazione 730/2017

Le spese mediche contenute nel modello della dichiarazione dei redditi 2017 godono di una detrazione pari al 19% Irpef, sia se queste vengono espletate dal soggetto contribuente che per conto del coniuge o familiare a carico, ma solo se tali prestazioni sono regolarmente documentati con relativa fattura, ricevuta fiscale, parcella. Su tali documenti fiscali, ai fini di detrazione della spesa devono essere obbligatoriamente indicati il codice fiscale, il tipo di prestazione o natura, qualità e quantità dei prodotti acquistati.

Le spese mediche oggetto di detrazione sono:

  • Ticket sanitari;
  • interventi chirurgici e trapianti;
  • Visite mediche prestate da dottori generici, specialisti e omeopati;
  • Assistenza infermieristica o fisioterapica;
  • Esami di diagnostica e di laboratorio qualora prescritti da un medico;
  • Cure dentistiche odontoiatriche;
  • Spese per l’acquisto o il noleggio di attrezzature mediche;
  • Spese per cure termali su prescrizione medica (escluso viaggio e soggiorno);
  • Spesa per assistenza, cure e farmaci per una persona anziana ricoverata in un Istituto.

Le spese sanitarie per essere detraibili devono essere documentate separatamente e comprovate dallo scontrino fiscale.

Le migliori offerte del momento sui Prestiti
Richiedi subito un preventivo gratuito!
signorprestitoPrestito INPS e INPDAP in soli 5 minuti! Ideale per lavoratori dipendenti e pensionatiRichiedi
rating1
siprestitoPrestito fino a 60.000 euro in piccole rate anche per CATTIVI PAGATORI con busta pagaRichiedi
rating2
difesadebHai DEBITI? Ti DIFENDIAMO noi! Chiudi i debiti con Banche e Finanziarie con un risparmio dal 40 al 70%Richiedi
rating1