Mercato immobiliare italiano: diminuiscono i prezzi delle case

Si sa come il mercato immobiliare italiano sia da molto tempo in crisi cronica, colpito e messo in ginocchio da una bolla speculativa: il tutto è iniziato con l’entrata dell’euro, l’aumento della ricchezza media, la voglia di realizzare un sogno, l’acquisto della casa di abitazione, la speculazione e la crisi edilizia, la brama di guadagno di costruttori, il tutto ha portato a costruire tante abitazioni ed edifici proprio perché, in quel momento, c’era tanta voglia di speculare nel breve termine ed i prezzi degli immobili sembravano salire vertiginosamente senza destare a fermarsi. Una corsa frenetica che subito una drammatica battuta d’arresto nel giugno 2008: da allora è arrivata la crisi finanziaria che ha azzerato e a messo in ginocchio i tanti sogni sperati ed i proprietari di casa si sono ritrovati con immobili onerosi e difficili da mantenere per le troppe tasse e spese rispetto al reale valore di mercato delle abitazioni. Insomma, una crisi cronica quella del mercato immobiliare che sembra non vedere alcuna luce in lontananza.

Mercato immobiliare: previsioni per il 2017

Ebbene sì, è difficile fare delle previsioni certe sul mercato immobiliare; quello che però sembra confermarsi per quest’anno 2017 è che i prezzi delle case continueranno a decrescere e le vendite aumenteranno. Perché? Per capire le spiegazioni di quanto sta accadendo sul mercato immobiliare, interessante è l’analisi di Ezio Bruna del Centro Studi Finanza Immobiliare e docente di economia e finanze al Politecnico di Torino. Secondo Bruna i fattori che continueranno ad incidere in maniera negativa sul mercato real estate sono “la curva demografica e la riforma delle pensioni. In Italia l’82% della popolazione vive già in una casa di proprietà e le nuove famiglie, alle prese con un mercato del lavoro difficile e l’erogazione di mutui bloccata, non potranno comprare casa. Sul lato delle pensioni, poi, sempre più persone tra i 60 e i 67 anni si troveranno con dei redditi più bassi, per la perdita del posto di lavoro, un nuovo regime part time o forme di esodo volontario senza stipendio. In pochi anni in molti dovranno vendere la nuda proprietà o le seconde case. È evidente che l’offerta supererà la domanda”.

Le conseguenze sul mercato immobiliare sono inevitabili, argomenta Bruna: “Fermo restando che una parte del mercato, ovviamente, continuerà a funzionare, in Italia avremo un fenomeno che in America si chiama “house rich, cash poor”: ricchi di case, poveri di redditi. Pensiamo a quanti immobili, magari in pessime condizioni, saranno ereditati nei prossimi anni, da chi non avrà dei redditi sufficienti a mantenerli. Se tutti li mettessero in vendita l’offerta aumenterebbe ancora, quindi l’unica possibilità verranno dal mercato dell’affitto. Sempre che nel frattempo l’economia si riprenda e i giovani non se ne vadano tutti all’estero. Ritengo che siamo di fronte a un cambio di paradigma epocale: la casa diventerà un bene d’uso e non un bene rifugio da lasciare ai figli. È probabile che la legge a cui ci siamo abituati negli ultimi decenni, ossia che la casa nel lungo periodo non perde mai valore, non funzionerà più.”

Le migliori offerte del momento sui Prestiti
Richiedi subito un preventivo gratuito!
signorprestitoPrestito INPS e INPDAP in soli 5 minuti! Ideale per lavoratori dipendenti e pensionatiRichiedi
rating1
siprestitoPrestito fino a 60.000 euro in piccole rate anche per CATTIVI PAGATORI con busta pagaRichiedi
rating2
difesadebHai DEBITI? Ti DIFENDIAMO noi! Chiudi i debiti con Banche e Finanziarie con un risparmio dal 40 al 70%Richiedi
rating1