Prestito personale? Attenzione al TAEG!

Qualunque motivo nel corso della vostra vita vi porterà a richiedere un prestito personale, ricordate che la capacità di scovare la soluzione più conveniente e affine alle vostre esigenze sarà sempre direttamente proporzionale alla conoscenza delle variabili in gioco: sapersi orientare tra offerte e pubblicità sarà essenziale per giocare un ruolo da protagonista in una questione tanto complessa.

E’ risaputo, infatti, che la concessione di un prestito personale da parte del sistema creditizio è vincolata a una serie di strategie contro rischi e aggravi inutili: le finanziarie e le banche valutano con attenzione l’affidabilità economica di ogni singolo richiedente, con un’esegesi minuziosa della situazione patrimoniale e familiare, della storia creditizia e del reddito personale. Nulla è lasciato al caso, ogni dettaglio è degno di nota.

Ed è proprio questa cura che dovrebbe esservi d’esempio, che dovrebbe indurvi alla massima cautela nella lettura di un contratto e delle condizioni del vincolo che state sottoscrivendo.

Accertata la legittimità dell’istituto a concedervi un prestito personale (un prestito può essere concesso solo da un istituto o da una società di credito autorizzati e iscritti ad un apposito albo ), non lasciatevi adulare dalla convenienza di una rata o di un TAN, il tasso annuo nominale, particolarmente accattivante.

Il vero parametro da tenere in considerazione è il TAEG, il tasso annuo effettivo globale.

Cos’è il TAEG?

Il TAEG è il valore percentuale dei costi totali di una proposta di finanziamento, è l’indicatore del costo effettivo di un’operazione creditizia; sostanzialmente si presenta come un tasso “virtuale” creato per offrire ai sottoscriventi di un prestito personale una previsione attendibile del costo globale e reale dell’intera concessione.

Il valore del TAEG somma al tasso di interesse nominale tutte le eventuali voci di spesa connesse, ossia:

  • spese di istruttoria
  • spese di revisione del finanziamento
  • spese di apertura e chiusura della pratica
  • spese di riscossione dei rimborsi 
  • spese di incasso delle rate
  • spese di assicurazione
  • costi dell’attività di mediazione
  • varie ed eventuali previste dal contratto

Comprendendo ogni voce di costo effettivo del finanziamento, il TAEG si presenta come il parametro più valido per confrontare preventivi e proposte; ecco perchè accettare il primo finanziamento offerto sull’onda dell’entusiasmo per un prezzo visibilmente vantaggioso del tasso di interesse non è la migliore strategia di comportamento: basta un TAEG elevato a vanificare il fascino di un prezzo apparentemente competitivo.

Quante volte nonostante la richiesta di un prestito a tasso zero il rimborso finale alla scadenza si rivela maggiore dell’importo ottenuto con il prestito? In questi casi ( purtroppo la quasi totalità ) il beneficio di un tasso nominale annuo, TAN, pari a zero non esclude una serie di costi impliciti e fissi che, a guisa di interessi occulti, accrescono la quota da restituire.

L’aderenza alla realtà di un prestito a tasso zero è misurata dal valore del TAEG e dalla previsione di tutti i possibili costi da sommare alla cifra richiesta con il prestito. Chiedere sempre informazioni dettagliate sul TAEG in sede contrattuale è la conditio sine qua non per non ricevere brutte sorprese dal nostro prestito.

Prestito personale? Nessun problema, ma attenzione al TAEG!

Le migliori offerte del momento sui Prestiti
Richiedi subito un preventivo gratuito!
signorprestitoPrestito INPS e INPDAP in soli 5 minuti! Ideale per lavoratori dipendenti e pensionatiRichiedi
rating1
siprestitoPrestito fino a 60.000 euro in piccole rate anche per CATTIVI PAGATORI con busta pagaRichiedi
rating2
difesadebHai DEBITI? Ti DIFENDIAMO noi! Chiudi i debiti con Banche e Finanziarie con un risparmio dal 40 al 70%Richiedi
rating1